sembra che sia iniziata una nuova partitura. la numero 2006.
io, intanto, continuo a non bermele certe sciroppate e velenose panzane sui miracoli e la felicità, capitalista o consacrata che sia.
pertanto:
a tutti gli apoti: buon anno!